Da oggi puoi gestire tutti gli indici della Crisi di Impresa (in modo immediato e in autonomia)

uomini davanti a un grafico, calcolo degli indici della crisi di impresa

Gli indici della crisi di impresa

Gli indici della crisi di impresa vengono chiamati anche indicatori di crisi e in totale sono 7.

Il primo arriva dal bilancio e assieme al Dscr  sono considerati indici validi per tutte le attività.

Ce ne sono quindi altri 5 di specifici per ogni settore, che grazie all’integrazione dei cruscotti GOLD Power BI puoi calcolare in completa autonomia.

#1 Il patrimonio netto negativo

Questo indice della crisi di impresa arriva dal ‘patrimonio netto’ (voce A della sezione passivo dello stato patrimoniale).

Al dato si devono sottrarre i crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti e gli eventuali dividendi che non sono ancora contabilizzati.

Secondo il comma 1, n.11-bis, nella voce patrimonio netto non si deve tenere conta della riserva per operazioni di copertura dei flussi finanziari attesi, qualunque sia il saldo corrispondente.

#Dscr

Si tratta del più importante degli indici della crisi di impresa e ne abbiamo parlato dettagliatamente in questo articolo.

Per quanto riguarda questo indice, può essere ammesso solo se gli organi di controllo ritengono affidabili i dati impiegati per il calcolo a partire dal budget di tesoreria che viene impiegato per costruire i flussi di cassa rilevanti.

Il debt service coverage ratio deriva infatti da un budget di tesoreria che viene redatto dalla stessa impresa e che rappresenta le entrate e le uscite liquide che sono attese nei successivi sei mesi.

Per costruire un buon budget di tesoreria è quindi indispensabile avere a disposizione uno strumento affidabile, pratico e che monitori la tesoreria nel suo complesso, come la soluzione GOLD la Tesoreria, già scelta da centinaia di imprese in tutta Italia.

GOLD ti permette di calcolare questo indice in completa autonomia e di poterlo così monitorare nell’andamento in real time.

#3 (Settore) Indice di sostenibilità degli oneri finanziari

Si tratta dell’indicatore che misura la sostenibilità degli oneri di indebitamento con i flussi di cassa che possono essere generati dall’azienda.

Deriva dal rapporto fra oneri finanziari e interessi e fatturato (ricavi netti).

#4 Indice di ritorno liquido dell’attivo

Si tratta del rapporto fra cash flow e totale attivo dello stato patrimoniale, dove il cash flow è la somma del risultato dell’esercizio dei costi non monetari ( per esempio accantonamenti per rischi, ammortamenti…) meno i ricavi non monetari (imposte anticipate,…)

#5 Indice di adeguatezza patrimoniale

Questo indicatore è il rapporto fra patrimonio netto (a cui detrarre i crediti verso i soci ancora dovuti e i dividendi deliberati) e il totale dei debiti, indipendentemente dalla loro natura e dalla presenza di ratei o risconti passivi.

#6 Indice di liquidità

Fra gli indici della crisi di impresa vi è quindi quello di liquidità, che è il rapporto fra l’attivo a breve termine (somma fra attivo circolante esigibile entro l’esercizio successivo + ratei e risconti attivi) e il passivo a breve termine (tutti i debiti esigibili entro l’esercizio successivo + ratei e risconti passivi).

#7 Indice di indebitamento previdenziale o tributario

Si tratta del rapporto tra il totale dell’indebitamento previdenziale e tributario e il totale dell’attivo netto.

Tutti gli indicatori della crisi di impresa devono essere calcolati?

Se considerati singolarmente, questi indici della crisi di impresa rischiano di fornire valutazioni limitate, così come parziali indizi di una possibile problematica aziendale.

Il legislatore ha quindi chiesto il superamento delle 5 soglie stabilite.

Come si calcolano gli indici della crisi di impresa?

Solitamente il calcolo degli indici viene affidato al commercialista, ma ogni impresa è costantemente work in progress, quindi il rischio è fornire i dati, aspettare il calcolo e ottenere degli indici vecchi e quindi non realistici.

Questo non solo sarebbe controproducente ai fini del calcolo stesso, ma anche nei confronti delle decisioni strategiche che l’azienda merita di prendere in questa situazione.

La soluzione più interessante? Poterli calcolare in autonomia.

Grazie a GOLD La Tesoreria, software per la gestione del comparto innovativo e di nuova generazione, è possibile calcolare il DSCR e con l’integrazione con Power BI anche gli altri 5 indici di crisi di impresa settoriali in modo autonomo, contando su dati sensibili e real time, che fotografano realmente la situazione in essere.

Questo grazie alla nuova versione dei cruscotti, una miglioria tecnologica a disposizione dei clienti, per rendere il programma ancor più efficiente, concreto e al servizio delle necessità che le aziende possono incontrare con il nuovo Codice della Crisi di Impresa.

Ti invitiamo a visitare questa pagina per richiederci tutte le informazioni che ti servono sul software e sulle sue integrazioni, per la migliore gestione della tua tesoreria aziendale.

Altre News

Europa Eba

Stop ai conti in rosso e agli sconfinamenti non gestiti: dal 1 gennaio 2021 l’EBA (Autorità Bancaria Europea) stringe i cordoni del credito

Il 1 gennaio 2021 non segna solo l’inizio del nuovo anno, ma una stretta più incisiva delle aperture al credito da parte dell’Eba, l’Autorità Bancaria Europea.

Questa data chiede agli imprenditori di maturare una sana consapevolezza e mantenere comportamenti virtuosi con le banche, per migliorare l’accesso al credito ed evitare situazioni di sconfino potenzialmente difficili da gestire.

Vediamo quali sono le linee guida stabilite dall’Eba e i consigli per non trovarsi impreparati ad affrontarle.

Grazie per averci inviato la tua richiesta.

Ti confermiamo che abbiamo ricevuto le informazioni.
Sarai ricontattato da helpdesk
o dai nostri referenti commerciali e di assistenza