Lunedì 13 giugno 2022 i nostri uffici resteranno chiusi per la festività del Santo Patrono di Padova. Tutte le attività riprenderanno normalmente Martedì 14 giugno 2022.

Fintech e banche: a che punto siamo in Italia? E quali prospettive ci sono per la tua impresa?

fintech e banche
Il rapporto banca-fintech è fra i più interessanti del momento, anche se gli esperti sono concordi nell’affermare che in questo settore c’è ancora molta strada da fare. Il punto è che la digitalizzazione delle banche è un processo che spinge a sua volta anche la digitalizzazione delle imprese e permette ad entrambe di operare nel quotidiano in modo snello e flessibile. Un processo che chiede anche di evolversi rapidamente, perché oggi l’impresa ha necessità di interfacciarsi velocemente con gli istituti di credito, integrando i movimenti di home banking nella propria gestione della tesoreria. Scopri nell’articolo come si posiziona l’Italia nel rapporto fintech e banche e perché questo processo interessa ogni singola azienda del tessuto nazionale, compresa la tua.

Tabella dei Contenuti

migliori-banche

Fintech e banche: a che punto siamo?

A fine aprile Bankitalia ha pubblicato un Occasional paper intitolato “The digital transformation in the italian banking sector” in cui analizza la trasformazione digitale di quasi 300 banche in un periodo di tempo compreso dal 2007 al 2018.

L’analisi rileva ovviamente una crescita della digitalizzazione negli istituti di credito, dove il processo evolutivo si è basato soprattutto sull’avvento e sullo sviluppo dell’online banking.

I dati parlano di uno scenario europeo dove il rapporto fra fintech e banche eccelle nei paesi nordici, soprattutto in termini di utilizzo degli strumenti messi a disposizione dagli istituti di credito alle persone.

Paesi Bassi, Danimarca, Finlandia, Svezia ed Estonia sono gli stati dove l’home banking è risultato essere più diffuso, con una media di 80 persone su 100 che lo utilizzano.

fintech e imprese

E in Italia?

Con riferimento al 2019, l’analisi riporta che 36 italiani su 100 utilizzano l’home banking, con una quota superiore al centro nord rispetto al sud del Paese.

I dati non sono ottimi, tanto più che anche in termini di strumenti per accedere ai servizi di pagamento, l’Italia si posiziona malino.

Inoltre, secondo il Digital Economy and Society Index (DESI) – indice calcolato dalla Commissione Europea, che riassume gli indicatori sulle prestazioni digitali dell’Europa – nel 2020, l’Italia si posizionava venticinquesima in classifica in termini di digitalizzazione e cultura digitale delle famiglie, davanti solo a Romania, Grecia e Bulgaria.

banche e fintech
Photo by Viktor Forgacs on Unsplash

Fintech e banche: quale partenza e quale traguardo?

Secondo un bell’articolo del Wall Street Journal, il rapporto fintech e banche si muove lungo 3 principali direttrici. 

La prima è naturalmente la digitalizzazione dei servizi tradizionali, dagli estratti conto/lista movimenti, alla possibilità di effettuare bonifici con l’home banking.

La seconda direttrice è l’adozione di nuovi processi, quindi di sistemi soprattutto automatizzati o automatizzabili, che permettono alle banche di abbandonare l’analogico a favore del digitale, implementando anche l’offerta ai privati e alle imprese.

Su questa seconda leva è interessante guardare allo scenario fintech e banche in senso ‘puro’, ovvero alla nascita di tutti quei servizi che migliorano, facilitano e delle volte anche potenziano il rapporto banca-impresa.

La terza direttrice è l’impiego dei big data, oggi più che mai cruciali per una gestione dei dati fluida e protetta, ma anche per una diffusione in chiave marketing dei prodotti e servizi offerti.

lavorare in cloud

L’Occasional paper della Banca d’Italia riporta che la digitalizzazione dei pagamenti da parte delle banche si è diffusa a macchia d’olio a partire dal 2018, espandendosi ai servizi di gestione patrimoniale dal 2000, seppur con un ritmo più lento.

Il rapporto fintech e banche si è quindi espanso al comparto dei prestiti, in uno scenario dove le prime banche a partire sono state quelle più grandi, seguite quindi dagli istituti di credito dalle dimensioni più contenute.

Alla fine del 2018, quasi il 55% delle banche italiane presenti nell’indagine ha dichiarato di aver già implementato progetti nel settore o intendevano implementarli nei successivi tre anni.

Anche in questo caso, le prime banche a partire sono state le più grandi, che si sono mosse velocemente anche per attivare accordi commerciali o vere e proprie joint venture con società fintech specializzate.

I campi di applicazione sono i pagamenti in mobilità, i portafogli elettronici, i pagamenti peer-to-peer, ma anche la consulenza finanziaria automatizzata.

Secondo i big player del settore, le banche europee devono competere con le colleghe americane e asiatiche, collegarsi di più alle fintech e creare nuove soluzioni finanziarie a servizio delle persone e delle imprese. 

I benefici? Banca d’Italia li ha misurati su sé stessa per capirne il valore.

In pratica, ha elaborato un’equazione che permette di misurare l’impatto della digitalizzazione su di sé e i risultati suggeriscono che questo impatto esiste ed è strettamente legato alla redditività. 

Più digitalizzazione, più redditività, sia per quanto riguarda il ROA (Rendimento delle Attività Totali) che il ROE (rendimento del Capitale Netto).

online banking

Fintech e banche: uno sguardo all’accesso al credito

Secondo Bankitalia, la digitalizzazione dei servizi finanziari può arrivare nel tempo a compensare le attività tradizionali di concessione del credito, oggi appannaggio delle filiali.

Nell’attesa che questo avvenga, è importante considerare che, dal punto di vista dell’impresa, avere un rapporto diretto di home banking e poter contare su buoni servizi finanziari online di cui fruire è diventato vitale.

Vitale per i tempi, per la possibilità di condividere i dati (si pensi al lavoro ibrido o allo smart working) e cruciale per limitare al massimo i margini di errore.

Per questo GOLD La Tesoreria, il software già scelto da migliaia di imprese del tessuto nazionale per la gestione della tesoreria, dispone di un forte impianto dedicato all’home banking.

Un impianto fatto di servizi specifici, che permettono all’impresa di:

  • Controllare l’operato delle banche mediante:
    • elaborazione automatica degli estratti conto
    • degli scalari interessi automatici
    • elaborazione automatica degli scostamenti dei movimenti provvisori dai definitivi
    • effettuando la riconciliazione automatica degli estratti conto bancari
  • Fare da ponte fra i sistemi di HB delle banche e il sistema informativo aziendale, gestendo il flusso di informazioni nei due sensi. Ai fini ad esempio dell’acquisizione degli estratti conto elettronici in vista della riconciliazione automatica dei movimenti e della loro certificazione, oppure per l’invio alle banche dei bonifici o delle lettere di credito elettroniche, etc.
  • Molto altro ancora.

Scopri qui tutte le funzioni del software per la gestione della tesoreria GOLD.

Credit cover image: Photo by Jonas Leupe on Unsplash

Redazione
La redazione di GOLD LA TESORERIA annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.

Altre News

budget di tesoreria e liquidita

Stimare la liquidità in modo strategico e rapido con il budget di tesoreria

La liquidità dell’Impresa ne rappresenta la sua linfa vitale. Deve essere monitorata con costanza, per valutare lo stato di salute attuale e con visione prospettica, per prevenire eventuali situazioni di difficoltà future.

Gli squilibri della liquidità possono, infatti, portare a conseguenze pericolose per ogni realtà imprenditoriale. Quindi, è bene monitorarne lo stato costantemente e prevenire situazioni critiche, facendo uso anche di strumenti adeguati.

Entra allora in gioco il budget di tesoreria, che permette di stimare le entrate di cassa e funge da leva per monitorare la liquidità nel suo complesso.

esperto composizione negoziata crisi di impresa

Crisi di impresa e composizione negoziata: quali opportunità per i professionisti?

Con il rinvio del Codice della Crisi di Impresa è nato il nuovo istituto della composizione negoziata.
Un professionista avrà l’incarico di individuare insieme all’imprenditore le soluzioni che servono per uscire dello squilibrio economico finanziario che può generare la crisi.
Quali occasioni possono nascere per i professionisti? Quali saranno i loro compiti e compensi?
In questo articolo parliamo dell’argomento e cerchiamo di capire il ruolo della figura professionale dell’esperto incaricato.

Partecipa ad una Dimostrazione di Gold La Tesoreria (senza impegno)

Richiedi una presentazione personale diretta (one to one) con orari da concordare
* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Ti confermiamo che abbiamo ricevuto le informazioni.

Sarai ricontattato da helpdesk
o dai nostri referenti commerciali e di assistenza.

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Il modulo è stato inviato con successo!

Nella Tua casella di posta hai ricevuto una email di conferma.

Potrai assistere alla presentazione di Gold La Tesoreria.

Nelle prossime ore Ti contatteremo per confermare il Tuo appuntamento. 

A presto