I nostri uffici resteranno chiusi dal 09 agosto 2021 al 20 agosto 2021 compresi, in conformità con le ferie d’estate. Durante questo periodo, sia il supporto telefonico, sia il supporto e-mail non saranno disponibili. Tutte le attività riprenderanno normalmente Lunedì 23 agosto 2021. Cogliamo l’occasione per augurarvi una buona estate.

CR e CAI: Le Differenze

cai
Nel mondo della finanza è consueto utilizzare delle sigle e degli acronimi per indicare enti, anche prodotti e processi legati al mondo finanziario e bancario, quindi è utile fare chiarezza. Identifichiamo le differenze fra due realtà all'apparenza simili: Cr e Cai. La prima sigla indica la Centrale dei Rischi, organismo di cui abbiamo parlato ampiamente nei nostri post, mentre Cai è la Centrale Allarmi Interbancari, ovvero l'archivio informatizzato delle carte di pagamento e degli assegni bancari e postali.

Tabella dei Contenuti

Cos’è la Centrale Allarmi Interbancaria CAI

La Centrale Allarmi Interbancaria è stata istituita dalla Banca d’Italia negli anni ’90 con lo scopo principale di migliorare i sistemi che tutelavano la circolazione degli assegni bancari e postali.

Oggi il CAI offre un servizio che permette agli utenti di conoscere i dati che sono registrati a proprio nome presso l’archivio, per controllare se assegni o carte di pagamento risultino bloccate.

Il servizio è gratuito e ha lo scopo dichiarato di prevenire e sanzionare l’impiego anomalo di assegni (postali e bancari) e carte di credito, rafforzando la sicurezza e la percezione della stessa da parte dei cittadini.

La gestione tecnica non è svolta direttamente dalla Banca d’Italia ma da un concessionario, anche se l’organismo centrale vigila sistematicamente sulle procedure.

team-seduto-al-tavolo-fattori-ESG-e-accesso-al-credito

I dati della CAI

La Centrale allarmi interbancaria offre una serie di dati relativi agli assegni e alle carte di pagamento, nel dettaglio:

– i dati identificativi di chi emette assegni bancari e postali senza avere l’autorizzazione o senza avere la disposizione dei fondi necessari alla copertura;

– i dati identificativi e postali di chi ha emesso assegni bancari e postali che non sono stati restituiti a seguito della revoca dell’autorizzazione, di cui ne è stato denunciato il furto, il blocco o lo smarrimento;

– i dati identificativi delle persone a cui è stata revocata l’autorizzazione ad impiegare carte di pagamento e delle carte revocate, di cui è stato denunciato lo smarrimento e il furto;

– i dati identificativi dei soggetti che hanno subito sanzioni amministrative e accessorie per avere emesso assegni bancari e postali senza averne l’autorizzazione o senza disporre dei fondi necessari per la copertura, nonché dei soggetti che sono stati giudicati penalmente per avere inosservato gli obblighi imposti dalla sanzione amministrativa.

Scopo della Cai è prevenire l’uso anomalo degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento, nonché di sanzionare e regolare il sistema dei pagamenti legati a questi specifici strumenti.

Vi sono procedure di iscrizione ed eventuale cancellazione dalla Cai, una realtà che permette assieme alla Centrale dei Rischi della Banca d’Italia di poter contare su un monitoraggio effettivo e quindi sulla salvaguardia dei rapporti di business e non solo.

Infatti, i dati presenti nell’archivio CAI restano iscritti per il rispettivo periodo di durata e successivamente cancellati in modo automatico alla data di scadenza. nell’archivio non sono quindi presenti i cosiddetti ‘dati storici’.

Chi inserisce i dati nell’archivio CAI?

I dati vengono inseriti direttamente dagli enti segnalanti privati. Si tratta di banche, intermediari che emettono sistemi di pagamento, poste, per quanto riguarda i soggetti privati, quindi di Autorità giudiziarie e Prefetture per i soggetti pubblici.

Come gestire eventuali contestazioni, correzioni o richieste di cancellazione?

Queste procedure devono essere rivolte direttamente agli enti segnalanti, perché essi sono responsabili della correttezza dei dati inseriti nell’archivio CAI e, di conseguenza, sono tenuti a cancellare o correggere eventuali errori nel tempo più breve possibile.

gold scoring

Analisi semplice e fruibile della Centrale dei Rischi

Proprio questo obiettivo è soddisfatto appieno dal servizio Gold Cr, che permette di ottenere un’analisi semplice fruibile dei dati della Centrale dei Rischi, per un monitoraggio trasparente e veloce della situazione creditizia della tua azienda.

Qui trovi tutte le specifiche di Gold CR, ti invitiamo a consultarle per migliorare la consapevolezza sulla tua situzione creditizia e avere a disposizione una lettura chiara e semplificata di dati.

Dati che possono aiutarti nelle decisioni strategiche e operative della tua azienda, ma soprattutto essere sfruttati appieno nelle relazioni con banche e istituti di credito, qualora desiderassi accedere a nuove forme di finanziamento.

Dati che una volta messi ‘nero su bianco’, in un documento di facile lettura come quello generato da GOLD CR diventano una sorta di ‘biglietto da visita’ da esibire nei confronti di eventuali partner o fornitori di beni e di servizi.

Scopri qui tutte le caratteristiche del servizio GOLD CR.

Link utile CAI Centrale Allarmi Interbancari

Redazione
La redazione di GOLD LA TESORERIA annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.

Altre News

Corso di alta formazione in gestione della tesoreria aziendale

Nel mese di marzo 2017 si è tenuto il corso di formazione in gestione della tesoreria aziendale, una proposta formativa accademica di alto profilo che ha riscosso ottimo successo fra i partecipanti. Approfondiamo i moduli, i contenuti e l’offerta formativa.

excel gestione della tesoreria

Gestione della tesoreria: quando i limiti di Excel si fanno sentire

È un dato di fatto:  fino a poco tempo fa l’unico software per la gestione della tesoreria aziendale di largo impiego era Excel.
Excel è uno strumento basato sui fogli di calcolo che permette di generare documenti stampabili, oggi anche condivisibili in termini di spazio lavoro grazie agli sheet di Google, ma esiste un’alternativa più raffinata per gestire la tesoreria aziendale? La risposta è…

rating e centrale dei rischi

Quanto conta il rating per le PMI?

Qualsiasi attività è sottoposta al giudizio degli altri, dove per giudizio non intendiamo naturalmente un feedback sulla natura dei beni o servizi proposti, ma valutazioni appositamente prodotte come il rating aziendale e il rating bancario.
Del resto ogni azienda, deve rapportarsi con clienti, fornitori e banche, giusto per citare i suoi principali interlocutori.
Questi soggetti, per capire ‘con chi hanno a che fare’ si basano sui giudizi delle agenzie di rating e il risultato è…

Partecipa ad una Dimostrazione di Gold La Tesoreria (senza impegno)

Richiedi una presentazione personale diretta (one to one) con orari da concordare
* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

* Campi obbligatori

Grazie per averci inviato la tua richiesta.

Ti confermiamo che abbiamo ricevuto le informazioni.
Sarai ricontattato da helpdesk
o dai nostri referenti commerciali e di assistenza

Abbiamo ricevuto la Tua richiesta

Grazie

Il modulo è stato inviato con successo!

Nella Tua casella di posta hai ricevuto una email di conferma.

Potrai assistere alla presentazione di Gold La Tesoreria.

Nelle prossime ore Ti contatteremo per confermare il Tuo appuntamento. 

A presto